Biancospino monostilo

Nome comune

Biancospino monostilo
Biancospino comune

Nome scientifico

Crataegus monogyna Jacq.
famiglia Rosaceae

biancospino2.JPG (202475 byte)

ETIMOLOGIA: Monogino cioè un solo gineceo o stilo (parte femminile del fiore ermafrodita).
HABITAT: Boschi misti, boscaglie lungo le strade e su pietraie, in terreni poco profondi e aridi; sopporta bene la siccità.
DESCRIZIONE: Arbusto con tronco robusto e tanti rami corti trasformati in spine bruno-romastre.
Le foglie sono profondamente incise a 3-5-7 lobi con faccia superiore verde opaco e pagina inferiore verde bluastro.
Fiori bianchi che appaiono abbondantemente a fine Maggio - Giugno riuniti in infiorescenze a corimbo erette; emanano un odore cattivo e pungente dovuto alla TRIMETILAMINA; ciscun fiore ha un solo stilo e generalmente venti stami (parte maschile del fiore ermafrodita).
Frutti con un solo seme che si vede schiacciando la bacca con le dita, hanno forma ovoidale e colore rosso.
ORIGINE: Spontaneo in tutta Europa, Africa mediterranea, Asia mediterranea. In Italia è diffusissimo e indigeno, può vivere anche 500 anni.

biancospino.JPG (141648 byte)

Torna indietro         Home page